Si è svolta tra il 17 ed il 19 Maggio in Fiera Milano Rho la manifestazione Made in Steel, appuntamento biennale interamente dedicato al mondo dell’acciaio, un materiale dalla resistenza sorprendente che strizza l’occhio all’architettura sostenibile.
Quando discutiamo di bioedilizia, infatti, si parla spesso di legno, canapa e paglia, senza ricordarci però che in termini di impatto ambientale anche questo prodotto gioca un ruolo importante a favore della salute del nostro pianeta.
L’acciaio è una lega di ferro e carbonio, le cui percentuali possono essere modificate in base alle esigenze e ai quali possono essere aggiunti anche altre elementi per potenziarne determinate caratteriste.

Ma cos’è che rende questo materiale così ecofriendly?

In primo luogo la sua durata.

Al contrario di molte altre sostanze si tratta infatti di un prodotto resistente e durevole nel tempo, il che ne fa un’ottima risorsa contro inquinamento e spreco. Elementi che hanno vita breve di fatto richiedono costantemente di essere cambianti e sostituiti, provocando quindi non solo un eccessivo consumo di risorse ma causando anche ingenti sforzi per ciò che riguarda lo smaltimento dei rifiuti.accciaio

Certo, affinché l’acciaio possa mantenere le sue caratteristiche nel corso degli anni bisogna che, prima del suo utilizzo, sia trattato attraverso mezzi specifici quali rivestimenti di verniciatura o l’uso di acciai patinabili, che gli consentono di resistere al contatto con acqua, terra e aria. Una volta prese queste precauzioni tuttavia le sue caratteristiche rimangono inalterate per un periodo molto più lungo rispetto alla maggior parte delle altre sostanze impiegate nell’edilizia

Inoltre questa lega può essere ampiamente riutilizzata e riciclata.

Solo in Europa, ad esempio, il 99% dell’acciaio impiegato nelle costruzioni proviene da rottame riciclato e, secondo quanto dichiarato dalla a World Steel Association, la stessa percentuale dei profili prodotti è recuperabile al termine del proprio ciclo di vita.
acciaio 2Impiegando l’acciaio è infatti possibile costruire elementi prefabbricati che anche se già utilizzati possono essere smontati e riciclati in altri impeghi. Oltra ciò i pezzi realizzati con questa lega possono essere riportati in fonderia per nascere completamente a nuova vita, attraverso l’impiego di un forno elettrico ad arco, senza che questo materiale perda le proprie proprietà.

Come se non bastasse, le nuove tecnologie hanno reso questo processo ancora più green che in passato. Ad oggi, infatti, un forno elettrico ad arco richiede una quantità di energia e una produzione di emissioni di gran lunga inferiore rispetto agli anni precedenti, con un riduzione del 50% del fabbisogno di acqua ed energia ed una limitazione significativa per ciò che riguarda la produzione di CO2.

Insomma, un altro materiale ecofriendly tutto da scoprire e da sfruttare per promuovere ancora di più, giorno dopo giorno, un’edilizia responsabile e sostenibile!