Come si dispongono gli specchi in casa?

Poco tempo fa abbiamo parlato del Feng Shui e di alcune sue regole basilari. Fra di esse vi è la regola per cui gli specchi non andrebbero tenuti in camera da letto. In realtà sono un elemento molto importante per questa filosofia orientale, perché emanano una potente energia vibrazionale. Inoltre sono un componente di arredo fondamentale, perché amplificano gli spazi, catturando la luce ed estendono la portata della vista.

Vanno però disposti con cura e sapienza.

Ad esempio, nel caso di spazi piccoli gli specchi sono da preferire senza cornice, che li appesantisce molto. Andrebbero disposti a mosaico, o sfalsati per creare movimento.

Se disponete di un corridoio lungo e stretto non posizionate lo specchio alla fine, ma lungo le pareti, per farlo apparire più largo e luminoso. Mentre in un soggiorno rettangolare andrebbero disposti sulle parenti lunghe, per dilatare lo spazio, possibilmente di fronte ad una finestra per moltiplicare la luce naturale.

Invece delle semplici piastrelle riflettenti sono la soluzione ideale per una stanza già di per sé ingombra come la cucina.

Nelle stanze in cui lo specchio ha una funzione pratica, come camera da letto e cucina, optate per una disposizione funzionale, che vi permetta di avere luce sufficiente per specchiarvi, ma che al contempo integri l’arredo esistente.

  

Da evitare invece la disposizione lungo le scale, per non distrarre troppo. Molto meglio un maxi specchio in posizione frontale rispetto alla rampa, per accentuare la tridimensionalità.

Ecco qualche idea di arredamento con gli specchi.

 

Come avrete notato tutto si gioca sulla scelta della cornice, che è il vero complemento di arredo di uno specchio. Siate fantasiosi, creativi e non lasciatevi spaventare da cornici dorate e in legno, sono perfette per una stanza dallo stile classico.