Con l’approssimarsi del Natale cominciano ad emergere da scatole e scatoloni tutte le lucine decorative che avevamo riposto con cura. Fili luminosi che scaldano l’ambiente e rendono speciali le nostre feste. Peccato doverle mettere via di nuovo una volta finite le feste. Ma è davvero così? No!

Le lucine natalizie, soprattutto quelle a LED che quindi hanno un basso consumo energetico e non si riscaldano, sono perfette per dare un’aria nuova alla nostra casa. Più calda, più avvolgete e, perché no, anche più romantica.

Disponendole in salotto ad esempio, magari sulla libreria, drappeggiandole sugli scaffali come edera luminosa o intorno agli stipiti delle porte, donano un’impronta di calda luce soffusa, perfetta soprattutto nell’atmosfera invernale. Una cornice luminosa perfetta anche per la cucina.

    

  

Chi ha una scala in casa, invece, può arrotolare una fila di luci sulla ringhiera. Con la loro luce dolce illumineranno i passi di chi si alza di notte.

Ma la stanza in cui le lucine danno il meglio di sé stesse è la camera da letto. Intorno alla testiera del letto, drappeggiate insieme alle tende per intesserle di luce o sul muro, sono perfette per creare un’atmosfera rilassante, o un romantico cielo stellato.

  

  

 

Un’ultima idea semplicissima ma di effetto? I barattoli luminosi usati al posto delle classiche lampade in ogni stanza della casa. Spegni le luci tradizionali e lascia a questi delicati puntini luminosi il compito di alleggerire l’atmosfera in casa.

Il vantaggio di queste scie luminose è la loro incredibile versatilità, ma anche le numerose forme disponibili sul mercato, per adattarsi ad ogni gusto e ad ogni esigenza.

Una volta smontato l’albero non riponete anche le lucine ma usatele per dare un tocco shabby e un po’ bohémien alla vostra abitazione