Di Feng Shui abbiamo tutti sentito parlare almeno una volta nella vita, con toni più o meno seri.

Si tratta di un’arte orientale cinese che supporta l’architettura tradizionale e guida la scelta dei mobili e la loro disposizione. Si è sviluppato in seno al taoismo, secondo cui l’azione umana è più efficace quanto più siamo in grado di percepire la direzione delle forze dell’universo e di allinearci ad esse.

Le linee guida del Feng Shui sono semplici: la casa deve essere un luogo di armonia, in cui gli elementi si bilanciano per creare un ambiente di pace, serenità e prosperità. Quante volte, entrando in un ambiente, abbiamo avuto sensazioni sgradevoli di oppressione o sensazioni positive di familiarità? Il Feng Shui si occupa proprio di questo.

Più difficile è la sua applicazione, perché tiene conto dei campi energetici della casa nel momento della disposizione dei mobili, ma il risultato è quello di spazi semplici, accoglienti e rilassanti. Ecco alcuni consigli per voi per seguire il Feng Shui nella vostra casa.

  1. Ordine.

La regola d’oro di questo stile è l’ordine e la pulizia. Per questo è importante liberarsi del superfluo, degli oggetti che ingombrano senza apportare nulla alla casa, ma influiscono negativamente sul benessere familiare. Liberatevi di ciò che non serve per sentirvi più leggeri.

2. Colori

Come abbiamo già detto in questo articolo i colori sono importanti per la casa e vanno scelti con cura. Rosso e toni dell’arancio in salotto, colori rilassanti in camera da letto, giallo per la cucina per stimolare l’energia al momento di iniziare la giornata.

3. Mobili

Dopo esservi liberati degli ingombri inutili ed aver tinteggiato la casa si passa ai mobili. La loro disposizione segue regole per precise, ad esempio il divano deve essere rivolto verso la porta di ingresso con la schiena appoggiata al muro, per comunicare gli ospiti un senso di ospitalità e al contempo di protezione.

In camera da letto il letto non deve essere posizionato di fronte la porta perché ciò impedisce di prendere sonno, alimentando uno stato di ansia, né sotto una finestra.

  1. Materiali

I materiali consigliati sono i più naturali possibili: legno, pietra e metallo. Da evitare quindi i materiali plastici, che comunicano artificialità e contrastano il senso globale di armonia che si vuole imprimere.

  1. Finestre

Le finestre dovrebbero essere grandi abbastanza da far entrare la luce naturale, ma nel caso in cui la casa sia già costruita non è un elemento che potete modificare. Potete però ricorrere a tende chiare per lasciar passare più luce possibile.

  1. Specchi

Secondo il Feng Shui gli specchi ostacolano le energie naturali, perciò non andrebbero tenuti a vista in camera da letto.

  1. Cucina

La cucina deve essere, come il resto della casa, accogliente e ordinata. La porta non dovrebbe mai essere alle spalle di chi cucina, e il forno non dovrebbe essere né vicino al frigo né al lavello, in modo da trasmettere serenità al cuoco. Fornelli puliti garantiscono abbondanza e prosperità.

  1. Bagno

La stanza da bagno non dovrebbe mai essere collegata alla cucina, in modo da impedire la diffusione dei germi. In bagno dovrebbe sempre esserci una finestra per garantire ventilazione e illuminazione naturale.

  1. Bagua

Solitamente nel Feng Shui si usa una mappa legata i punti cardinali e agli elementi, da seguire per arredare nel modo corretto.

Il Feng Shui è molto altro rispetto a questi semplici consigli, è uno stile di vita che dovrebbe influenzare tutta la nostra vita, partendo dalla casa, tanto che nell’antichità veniva usato anche per progettare interi quartieri.